Il progetto

Per active ageing, o invecchiamento attivo, s’intende un processo finalizzato alla realizzazione delle potenzialità fisiche, mentali e sociali delle persone anziane. Negli ultimi anni lo sviluppo delle tecnologie ha messo in campo nuove opportunità per migliorare la loro salute e indipendenza.

Il progetto “Impronte” va a collocarsi nell’ambito di una serie di iniziative promosse dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con il Centro di Competenza TrentinoSalute4.0 dell’Assessorato alla Salute e Solidarietà Sociale della Provincia di Trento, volte alla promozione della salute e di stili di vita sani: il progetto mira, nello specifico, ad incoraggiare l’invecchiamento attivo attraverso il geocaching, un’attività basata sul movimento all’aria aperta e sull’utilizzo di tecnologie ICT.

Il geocaching è un tipo di caccia al tesoro in cui i partecipanti utilizzano un ricevitore GPS per nascondere o trovare oggetti reali o virtuali. Il geocaching permette di combinare l’acquisizione di competenze digitali con il mantenimento del benessere fisico e mentale, contrastando lo stile di vita sedentario attraverso la promozione di un’attività all’aria aperta. I benefici sottolineati dalla letteratura in merito sono:

  • La promozione dell’esercizio mentale e fisico e di uno stile di vita attivo. Trascorrere del tempo all’aria aperta ha effetti positive sulla salute, il benessere e il sonno.
  • L’opportunità di applicare le conoscenze acquisite nel campo delle ICT (l’uso di dispositivi digitali, l’uso della geolocalizzazione) attraverso uno stile di vita attivo.
  • La promozione della comunicazione con la famiglia e gli amici, che riduce  gli effetti dell’isolamento attraverso un senso di inclusione sociale. Il geocaching è un mezzo di relazione sociale, perché permette di rimanere informate in un ambiente in continua evoluzione, nonché di condividere e rafforzare l’interesse per il patrimonio storico e artistico della città.
  • La condivisione di conoscenze ed esperienze tra tutte le squadre partecipanti e l’abbattimento delle lacune intergenerazionali.

Grazie alla collaborazione delle cooperativa sociale Kaleidoscopio, attenta a proporre attività che favoriscano l’invecchiamento attivo, con il progetto Impronte proponiamo un’attività di geocaching ad un gruppo di persone del Centro Servizi Anziani Contrada Larga di Trento, con la possibilità di coinvolgere successivamente i loro nipoti o una o più classi scolastiche, ponendoci quindi un duplice obiettivo: da una parte la promozione dell’attività fisica e del benessere mentale e sociale dei partecipanti, che vengono stimolati a fare esercizio fisico in compagnia e a tenere allenata la mente attraverso la risoluzione di quesiti incentrati sulla memoria del territorio trentino. Dall’altra, un’attività incentrata sull’utilizzo di dispositivi mobile può favorire l’acquisizione di competenze digitali, che permette di colmare il gap intergenerazionale grazie all’affiancamento agli alunni nativi digitali ed alla partecipazione attiva nell’inclusione di nuovi contenuti.

Advertisements